Web Content Viewer (JSR 286) 15min

Azioni
Caricamento...

Procedimento di Valutazione d'Impatto Ambientale

Il progetto definitivo delle nuove opere di regolazione per la messa in sicurezza del lago d'Idro è stato oggetto di Valutazione d'Impatto Ambientale nazionale in quanto la tipologia progettuale è prevista all'art. 13 dell'Allegato 2, Parte II, del d.lgs. n. 152 del 2006 "impianti destinati a trattenere, regolare o accumulare le acque in modo durevole, di altezza superiore a 15 metri o che determinano un volume d'invaso superiore ad 1.000.000 metri cubi, nonché impianti destinati a trattenere, regolare o accumulare le acque a fini energetici in modo durevole, di altezza superiore a 10 metri o che determinano un volume d'invaso superiore a 100.000 metri cubi".

Il progetto, presentato al Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e al Ministero per i Beni e le Attività Culturali comprendeva anche la valutazione d'incidenza, in quanto le variazioni del livello del lago durante i lavori di cantiere e ad opere realizzate possono avere ripercussioni sull'intera area del lago e pertanto anche sul SIC-ZPS IT3120065 "Lago d'Idro", di competenza della Provincia Autonoma di Trento e localizzato a 9,4 chilometri dalla realizzazione delle opere. La domanda di compatibilità ambientale del progetto è stata presentata da Infrastrutture Lombarde S.p.A. il 20 giugno 2011.

A seguito della richiesta di integrazioni del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare del 7 dicembre 2011, il progetto è stato integrato e depositato in data 1 giugno 2012. Il 17 aprile 2013 il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, di concerto con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, ha rilasciato il provvedimento di compatibilità ambientale positivo con prescrizioni.

Per quanto concerne gli esiti della verifica di ottemperanza alle prescrizioni di cui sopra, di competenza regionale, la Commissione Istruttoria regionale ha ritenuto che le prescrizioni siano state affrontate dal Proponente in maniera puntuale secondo lo schema richiesto dall'Autorità Competente. In particolare evidenziano quanto indicato nella Tabella A.

29/11/2017